RINGRAZIAMENTI E ATTI DEL CONVEGNO – ESSERCI NELLA RELAZIONE. L’ARTE DEL CONTATTO IN GESTALT

Posted by irene on gennaio 15, 2014  |   No Comments »

POST CONVEGNOlocandina2_21x29,4

I RINGRAZIAMENTI

Cari colleghi e amici,

ringraziamo tutti i partecipanti al VI Convegno itinerante della Scuola Gestalt “Esserci nella relazione – L’arte del contatto nella gestalt” appena concluso.

I trainer, che hanno accolto la sfida di proporre un evento nuovo e hanno osservato con fiducia gli sviluppi organizzativi passo dopo passo.

I professionisti, che con la loro generosità ed entusiasmo, hanno contribuito con la quantità impressionante di workshop proposti ed hanno offerto a tutta comunità gestaltica molti stimoli e l’opportunità di riunirsi in vari luoghi di Torino.

I partecipanti, quelli che hanno affrontato un lungo viaggio, quelli venuti da vicino e coloro che si sono aggregati in questa esperienza nell’arte del contatto, per aver accolto con curiosità e entusiasmo la complessità dell’evento “diffuso”, di averne apprezzato le potenzialità e di averci aiutato con i feed-back a mettere a fuoco tutte le criticità.

Invitiamo tutti coloro che avessero delle foto, video, registrazioni, appunti e quant’altro, ad inviarle all’indirizzo redazione.sgt@gmail.com.

Diamo a tutti un caloroso appuntamento al convegno del 2015.

Buona estate.

Il comitato organizzatore ☺
Vanna, Raffaele, Cristina, Alessandro,
Paola, Fabrizio, Alberto, Giusy, Letizia,
Marco, Elena, Rosalba, Mirco, Annalisa

ATTI DEL CONVEGNO

Carissimi,

la nostra scuola ha deciso di procedere alla pubblicazione degli atti del nostro ultimo convegno.

L’idea però non è quella di una serie di report più o meno slegati di interventi a tavole rotonde o di workshop, ma di riuscire a produrre un vero e proprio libro che poi possa servire come materiale didattico per la scuola.
Inoltre, visto che l’anno prossimo organizzeremo il convegno nazionale della FISIG qui a Torino, sarebbe un ottima cosa se il libro potesse essere presentato in quell’occasione, cioè aprile 2015.
In realtà non abbiamo ancora valutato come scuola se siamo in grado di accollarci i costi di una simile operazione o se sarebbe meglio avere solo una pubblicazione sul web, ma vista la vetrina del convegno credo sarebbe uno sforzo importante da fare. Tornando agli atti del convegno. La mia idea è che ogni partecipante alle tavole rotonde ed ogni conduttore di workshop, faccia lo sforzo di teorizzare partendo dalla pratica del suo intervento.
Ora, per quanto riguarda le tavole rotonde questo sarà abbastanza semplice.
Per gli workshop si tratta di fare emergere la teoria che ha sostenuto i lavori proposti, cercando di rischiare l’originalità di quanto proposto e mantenendo il fuoco sul tema del convegno : ESSERCI NELLA RELAZIONE
Quando ci avrete inviato tutti i contributi, li raccoglieremo e poi rinvieremo ad ognuno di voi il tutto, così che ognuno possa rivedere il proprio contributo alla luce e facendosi influenzare da quanto scritto dagli altri, così da arrivare ad un prodotto finale che abbia una sua armonia e fluidità e quindi essere un vero e proprio libro.
A questo punto tutto il materiale sarà sottoposto ad editing e quindi eventualmente riinviato un ultima volta con suggerimenti di possibili correzioni che riguarderanno essenzialmente la leggibilità dei testi e/o l’eventuale necessità di aggiungere note bibliografiche.
Quindi, l’invito adesso è che scriviate a ruota libera.
Quando vi rinvieremo il materiale per la seconda stesura, vi forniremo anche le norme editoriali a cui attenervi (formato, stile, note bibliografiche etc) .
Questa lettera è stata inviata a tutti i relatori e conduttori di workshop, se qualcuno decidesse di non partecipare a questa iniziativa è pregato di comunicarcelo così lo cancelleremo dalla mailing list di questo gruppo.
Io vi invito a partecipare tutti, anche perché l’idea è di pubblicare questo libro sotto il nome della Scuola Gestalt di Torino (non quindi del curatore) e quindi renderlo materiale scientifico ed una vetrina per ognuno dei professionisti che vi contribuirà. Un abbraccio
Mariano

 

FacebookTwitterGoogle+Condividi
Lascia un commento